Vi siamo mancati? Forse no, ma ci piace credere che ogni tanto ci abbiate pensati. Di sicuro noi abbiamo pensato a voi e siamo pronti ad annunciarvi la prima delle novità che ci accompagneranno d’ora in poi (non vogliamo mica svelarvi tutto subito!): lo Stato Brado cambia la frequenza delle sue pubblicazioni, passando da una cadenza settimanale a un’unica uscita mensile.

Perché questa scelta?
Il nostro progetto sta per compiere due anni e alla vigilia di questo traguardo abbiamo sentito la necessità di dare un taglio editoriale più deciso alle nostre pubblicazioni. Dopo questo periodo che potremmo definire quasi “di rodaggio”, in cui ci siamo affacciati con entusiasmo
Pensiamo ormai di aver acquisito la consapevolezza necessaria per poter iniziare a occuparci di tutti quegli argomenti che abbiamo a cuore. Per questo, le nostre rubriche rimarranno invariate, ma faremo in modo che il contenuto dei nostri articoli sia incentrato sull’approfondimento di temi culturali, scientifici e sociali che riteniamo importanti. Gli articoli redatti nel corso del mese saranno, ogni volta, legati tra loro da un tema unico e la loro pubblicazione sarò accompagnata da un piccolo editoriale con cui percorreremo gli avvenimenti più importanti del periodo appena trascorso.

Nessuno è solo – Febbraio 2020

Eccoci dunque al tema di questo mese: Nessuno è solo. E se qualcuno ci ha riconosciuto un riferimento a Tiziano Ferro stia tranquillo: ha perfettamente ragione. Dopo un Sanremo all’insegna della diversità, in cui artisti come Tiziano Ferro e Achille Lauro hanno sfruttato il palco per dare risonanza al loro messaggio, anche in redazione ci siamo mossi per raccogliere il testimone e parlare di chi è diverso (o si sente tale) da vari punti di vista. Alcune volte veniamo trattati in maniera diversa per ciò in cui crediamo, per chi siamo, per chi amiamo o perché non accettiamo gli schemi sociali entro i quali dovremmo vivere. Altre volte siamo noi stessi a percepirci come diversi, sbagliati o in difetto rispetto a chi ci circonda. Ma diverso non è per forza sinonimo di sbagliato, proprio le nostre diversità possono diventare i nostri punti di forza. L’importante è imparare a conoscerci e amarci come siamo, prendere quelle che riteniamo essere delle debolezze e trasformarle in armi a nostro vantaggio e soprattutto ricordarci che Nessuno è solo.
Quando questa redazione prese vita si trattò poco più che di uno scherzo, tanto che giocando sul fatto che il nome scelto fosse proprio Stato Brado ci inventammo una costituzione tutta nostra composta da soli quattro articoli. Uno di questi articoli parlava proprio di diversità e del fatto che, nello Stato Brado, non ci fosse spazio per bestialità come la discriminazione. Oggi vi riproponiamo quell’articolo, per partire al meglio in questa nuova avventura.

Art.3

Tutti gli animali sono uguali davanti alla natura, senza distinzione di: sesso, specie, verso, habitat naturale e posizione nella catena alimentare.

Questo articolo è stato scritto da...

Alessia Zannoni

Fondatrice

Cresciuta a pane e Pokémon e giocatrice di Magic della domenica, colleziono dadi e ripongo in loro la mia più estrema fiducia quando si tratta di prendere decisioni importanti. Il modo più sicuro per approcciarmi è offrire del cibo, ma mi potete tirare fuori dal guscio suggerendo buone letture e film con cui passare una serata sotto le coperte e con una tisana tra le zampe.

Mezzelfa disadattata per natura, mezzorca per attitudine, Tartaruga per scelta.


Sara Zarro

Signora Oscura

Tra le sue innumerevole qualità si contano l'affinità fisica, psicologica e intellettuale con pony, ippopotami, nutrie ed esseri bassi e tozzi in generale; le doti comunicative con esseri inanimati quali orsetti peluche; la capacità di tessere relazioni amorose immaginarie con personaggi letterari o cinematografici dalla dubbia popolarità.

Io credo nelle fate. Lo giuro, lo giuro!